AISO

Rimetteresi sul mercato del lavoro dopo anni passati in un'unica azienda, oggi vuol dire anche confrontarsi con un mercato completamente nuovo e con strumenti di cui si conosceva l'esistenza solo per sentito dire. Come è successo ad Adriana M., 50 anni, una laurea in Economia e commercio che, come tanti altri, alla fine del 2015 ha perso il suo posto di lavoro in una società di consulenza dove era impiegata da 16 anni. Il motivo? Costava troppo, così da un giorno all'altro le è stato detto che doveva restiture pc e badge e al suo posto hanno assunto un giovane, tagliando la spesa.
«Dire che il mondo mi è crollato addosso è superfluo. Ho un'età in cui si inizia a fare il conto alla rovescia, a dirsi: "Ancora qualche anno e arriva la pensione"». Invece si è rimboccata le maniche e si è rimessa in gioco. «Ho dovuto aprirmi un profilo su Linkedin, confrontarmi con il networking e alla fine sono riuscita a trovarmi una nuova occupazione sempre in una società di consulenza», racconta soddisfatta.

Le sfide arricchiscono e migliorano

«Molti sono stati gli ostacoli da superare anche perché trovarsi senza un lavoro alla mia età non è certo stata una passeggiata. Le preoccupazioni non sono mancate, ma con il senno di poi posso dire che è stata una grande opportunità», dice Adriana che ha saputo vivere una situazione difficile con grinta e voglia di farcela. «Quanto è successo è stato un grande stimolo per me», afferma convinta. «Mi ha indubbiamente migliorato e aiutato a crescere. Alla fine quello che era stato uno dei giorni più brutti della mia vita si è rivelato un reset totale, un modo per ripartire con energia». Al suo fianco una società di outplacement che le ha fornito il sostegno professionale giusto per potersi rimettere in pista con gli strumenti più ideonei per battere il mercato, consentendole di ottimizzare i tempi di ricollocamento. Basti dire che e in tre mesi Adriana ha trovato la sua nuova occupazione. «È stata una sfida che alla fine ho vinto», dice con la giusta punta di orgoglio.